Utilizziamo i cookie . Se sei d'accordo con i termini e le condizioni puoi continuare a navigare nel sito.
Stazioni sciistiche ed offerte
Seleziona la stazione sciistica
Check-in
Check-out

Dolomiti Superski prevede di avere 1.300 km di piste collegate nel 2026

Riesci a immaginare di diventare 1.300 chilometri del Dolomiti Superski con gli sci e gli impianti di risalita, senza dover prendere l'auto o l'autobus? Questo è il sogno del settore turistico in quella parte d'Italia che è diventato un incubo per gli ambientalisti. L'obiettivo è garantire che le Olimpiadi di Cortina d'Ampezzo del 2026, organizzate a fianco di Milano, si svolgano nel cuore della più grande area sciistica del mondo.

 

In totale con le nuove piste e impianti di risalita, si stima che si possa sciare su oltre 1.300 chilometri, accessibili attraverso circa 500 impianti di risalita. Il problema è che molte di queste strutture saranno situate tra le vette e le valli dichiarate patrimonio dell'Unesco.

 

Questo progetto è stato nel cassetto per decenni, ma sembra che con i Giochi olimpici sarebbe più vicino a diventare una realtà. Il nuovo "Carosello delle Dolomiti" collegherebbe tre delle aree sciistiche più spettacolari d'Italia, come la Sellaronda , che collega le valli ladine tra Alto Adige, Veneto e Trentino: le sette aree sciistiche di Cortina d'Ampezzo e il Giro della Grande Guerra , che corre tra le cime di Civetta, Pelmo e Tofana.

 

 

A tutto ciò si aggiunge la regione di Venezia , che non vuole perdere l'occasione dei Mondiali di sci alpino che si terranno a Cortina d'Ampezzo nel febbraio del prossimo 2021 e dei Giochi invernali. I veneziani vogliono collegarsi al 'Carosello delle Dolomiti' dal Comelico all'Alta Pusteria e alle Dolomiti di Sesto attraverso il Passo Monte Croce, un progetto anch'esso sul tavolo anni fa, ma fermato dalle restrizioni ambientali imposte dal Ministero.

 

Comunque, parte di tutto questo enorme progetto è già in corso . Questo fine settimana il Presidente del Venetto Luca Zaia e il Sindaco di Cortina d'Ampezzo Gian Pietro Ghedina hanno inaugurato la nuova gondola Freccia nel Cielo , un intero gioiello della tecnologia mentre si esponevano, che consente di arrampicarsi dalla città al Col Druscié (1.778 metri), da dove è possibile proseguire con un altro impianto di risalita per Ra Valles (2.470 metri) e poi per la Cima della Tofana di Mezzo (3.244 metri). Questo nuovo impianto di risalita sostituisce uno precedente ed è stato guidato con la scusa delle Coppe del mondo di sci alpino del 2021. In totale, 47 nuove cabine in grado di trasportare 1.800 persone all'ora.

 

I politici hanno poi affermato che nessun'altra area sciistica del pianeta può offrire qualcosa di simile, come due giorni di sci senza ripetizione, in un circuito tra Cadore e Agordino, Val Badia e Val Pusteria, Val Gardena e Val di Fassa, accedere alle Dolomiti e arrivare a 3.343 metri dalla Marmolada. L'investimento per l'intero progetto è compreso tra 80 e 100 milioni . Un importo inferiore a quello che costa una funivia, come Montebianco. e che assicurano anche che sarà sostenuto equamente dal capitale privato. Il resto verrà da fondi pubblici dedicati al miglioramento delle infrastrutture turistiche e ai Giochi olimpici del 2026.

 

Oggi tutto questo può già essere fatto con un unico skipass, ma per andare ad esempio da Cortina alla Sella Ronda e poi al Giro della Grande Guerra, devi salire su un autobus o viaggiare in auto privata per un viaggio che dura circa un'ora Sostituisci l'asfalto con gli impianti di risalita che continuerebbero a essere un trasporto pubblico su larga scala ma eliminando l'inquinamento automobilistico . Queste funivie e funivie sarebbero anche disponibili per turisti e ciclisti in estate.

 

In questo modo le Dolomiti vogliono tornare all'epicentro internazionale dello sci, ora superato dalle stazioni dell'Alto Adige nella stessa Italia, e da altri in Austria, Svizzera e Francia, dove scommettono anche sull'estensione dell'area basata sul collegamento tra stazioni sciistiche

 

Per la prossima stagione è già stato approvato un investimento di 13 milioni di euro per collegare il centro della città di Cortina con Socrepes. Da lì a Pocol su una seggiovia. Un'altra funivia con un costo di 18 milioni di euro ti permetterà di raggiungere le Cinque Torri.

 

D'altra parte, i tecnici e i sindaci del Veneto lavorano nella fase II del progetto: il collegamento a ovest, dalle Cinque Torri ad Arabba attraverso il passo Falzarego e il Col di Lana, qualcosa che ti permetterà di unirti al passo Campolongo e infine a Alta Badia Cioè, senza separarti dagli sci, puoi spostarti da Cortina a Corvara e da lì in Val Gardena.

 

Gli impianti di risalita a sud, e nel territorio del Veneto, porteranno gli sciatori dalle Cinque Torri (situati sotto Cortina d'Ampezzo) al rifugio Fedare, e da lì a Selva di Cadore, e proseguiranno fino al Col dei Baldi. Cortina e Sellaronda si collegano così con il Giro della Grande Guerra e Alleghe, completando la pista da sci più lunga del mondo .

 

I suoi autisti vogliono avere tutto pronto per i Giochi olimpici del 2026. Luca Zaia afferma che è l'unica alternativa per evitare lo spopolamento delle montagne, poiché per il momento solo il turismo ha dimostrato di poter riparare gli abitanti di queste aree. Inoltre garantisce che in questo modo sia possibile limitare il passaggio di auto e autobus su strade di alta montagna evitando sia l'inquinamento che l'impatto ambientale.

 

Contro di loro ci sono gli ambientalisti, che senza una migliore alternativa per evitare lo spopolamento e la circolazione dei veicoli a quelle altitudini, annunciano che lanceranno proteste e accuse contro il progetto. Secondo loro, non si ritiene che le funivie e le seggiovie possano sostituire le auto.

 

Carosello dello Sci src = "https://www.nevasport.com/fotos/120120/861852-Carosello-dello-Sci_tn900x.jpg" />