Utilizziamo i cookie . Se sei d'accordo con i termini e le condizioni puoi continuare a navigare nel sito.
Stazioni sciistiche ed offerte
Seleziona la stazione sciistica
Check-in
Check-out

Grandvalira cerca un accordo per estendere le piste da sci al Pic de Maià

Anche i stazioni sciistiche andorrani chiederanno un risarcimento per le perdite causate dalla limitazione degli spostamenti dovuta al COVID. All'inizio di questo mese è stato annunciato che la società che gestisce il Tunnel Envalira ha visto approvata la richiesta di prolungare la concessione per altri otto anni e ora le diverse società che gestiscono Grandvalira potrebbero volere una formula simile.

 

Ski Andorra ( l'associazione delle imprese di impianti di risalita del Paese) è incaricata di studiare questa richiesta e sta valutando se sia fattibile chiedere un'estensione delle concessioni dei terreni pubblici che occupano per compensare le perdite accumulate durante la pandemia.

 

Uno dei principali obiettivi perseguiti con questa estensione è quello di poter garantire gli investimenti previsti. Saetde è alla ricerca di un nuovo accordo da molto tempo, poiché gli investimenti che ha pianificato non possono essere ammortizzati nei 17 anni rimanenti sul contratto per continuare a sfruttare le montagne dove si trovano le sue piste e gli impianti di risalita, che sono di proprietà pubblica.

 

Secondo i loro calcoli, sono esattamente altri 17 anni che dovranno compensare le perdite causate dalla pandemia di COVID. E quindi intende esporlo ai leader politici della parrocchia di Encamp.

 

Secondo una disposizione aggiuntiva che è stata aggiunta poche settimane fa al bilancio del governo di Andorra per il 2022, le aziende possono richiedere una proroga delle proprie concessioni, purché non superino il 20% del totale concordato in quel momento. Nel caso di Saetde, ha un contratto di locazione firmato per 70 anni, quindi il 20% sono quei 14 che chiedono.

 

Per ora solo Saetde ha chiesto un'estensione della concessione a titolo di risarcimento per la pandemia di COVID. Il resto delle società come Ensisa (Soldeu-el Tarter), Secnoa (Ordino Arcalís) e Setap365 (Amico-Arinsal) non hanno ancora rilasciato dichiarazioni.

 

Se questa proroga di 14 anni verrà concessa, SAETDE avrà 28 anni per continuare a sfruttare quelle montagne. Ma l'azienda sta cercando di negoziare un nuovo contratto di 50 anni. Tempo sufficiente per intraprendere diversi investimenti senza rischiare di non ammortizzarli, come nel caso di un ampliamento delle sue piste da sci verso il Pic de Maià (2.615 metri).

 

Si tratta di una vetta situata sull'altro lato di Port d'Envalira da dove si trovano attualmente le piste del Pas de la Casa e del Grau Roig , ampiamente utilizzata dagli amanti del freeride per la scorrevolezza delle sue piste.

 

Se questa estensione del contratto viene concessa, Saetde si impegna a cedere il terreno a Pessons affinché possa essere costruito un Parco Naturale.

 

L'espansione del comprensorio sciistico del Pic de Maia sarebbe notevole, in quanto, come riportato dal maggiore console di Encamp, Laura Mas, si tratta di terreni che hanno un'estensione di 2.632 ettari , ovvero ciò che attualmente occupa grandi stazioni sciistiche in i Pirenei come Baqueira Beret, Formigal o la stessa stazione sciistica di Grandvalira .

 

Quelle terre sono destinate da anni a creare una nuova stazione sciistica. Per fare ciò, una proposta deve essere presentata al Comu de Encamp e che due mesi. Se la parrocchia decidesse di concedere la concessione ad un'altra società, Saetde, che è quella che ha i diritti per 17 anni, dovrebbe incassare una clausola rescissoria di 100 milioni di euro.

 

Quindi la società, che voleva costruire una nuova stazione sciistica in Andorra su quelle terre, dovrebbe prima pagare quei 100 milioni per compensare i 17 anni rimasti sul contratto di Saetde.